Dopo la denuncia di Federarchitetti INARCASSA riduce il tasso dilatorio sui contributi PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 01 Dicembre 2013 20:29

INARCASSA TIENE CONTO DELLE RIMOSTRANZE DELLA FEDERARCHITETTI DELLO SCORSO ANNO E RIDUCE L'INTERESSE DILATORIO SUL CONGUAGLIO CONTRIBUTI PREVIDENZIALI DOVUTI NEL 2012.

Anche quest'anno, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato, lo scorso 19 novembre - di consentire che il saldo del conguaglio dei contributi previdenziali relativi all’anno 2012, previsto per il 31/12/2013, possa essere versato entro il 30/04/2014  con l'applicazione di un interesse dilatorio

 

 pari al tasso BCE + il 4,5% applicato ai giorni trascorsi dalla scadenza (31/12/13) alla data effettiva del versamento.

Novità rispetto allo scorso anno. Quest'anno l'interesse dilatorio non è più pari al 2% fisso che, come abbiamo dimostrato l'anno scorso su questo sito, risultava pari all'8% annuo (http://www.federarchitettiregionecampania.it/index.php?option=com_content&view=article&id=587:inarcassa-limitata-lagevolazione-per-liscritto-che-decide-di-pagare-i-contributi-il-30-aprile&catid=1:news&Itemid=3 ), ma pari al tasso BCE + 4,5 %, ovvero pari al 4,75 %, e applicato ai giorni trascorsi dalla scadenza (31/12/2013) alla data di effettivo versamento. Per fare qualche esempio numerico, se l'anno scorso il professionista su € 1.000,00 di contributi da versare doveva corrispondere un interesse dilatorio di € 20,00, con la nuova disposizione, il professionista che versa entro il 30/04/2014, deve corrispondere un importo in più di € 15,62. Si evidenzia che quest'anno vi è un ulteriore vantaggio per coloro che corrispondono il dovuto anche prima della nuova scadenza fissata da INARCASSA (30/04/2014).

In questo momento di profonda crisi economica in cui versa il settore delle professioni tecniche, è ancora possibile migliorare l'interesse dilatorio da applicare ai contributi non versati ad INARCASSA. In particolare si può ricondurre il tasso dilatorio o al tasso di redditività del patrimonio mobiliare di INARCASSA riferito al bilancio consuntivo dell'anno precedente (dalla tabella 35 della relazione della Corte dei Conti per l'anno 2010 – unico dato disponibile - il tasso annuo di redditività lorda è stato del 3,29 % e del 3,05 netto) oppure all'interesse legale di mora che attualmente è pari al 2,5 % annuo.

Chi vorrà usufruire della facilitazione offerta da INARCASSA, potrà semplicemente generare il bollettino MAV relativo al conguaglio 2012 su Inarcassa On line e versare l’importo corrispondente non oltre il 30 aprile 2014. Il versamento entro il termine indicato non genererà alcuna sanzione e l’importo relativo agli interessi sarà conteggiato insieme alla rata dei minimi 2014 in scadenza a fine giugno, o insieme a uno dei pagamenti successivi. L’opzione per il posticipo non è esercitabile dagli associati che abbiano già ottenuto la rateazione del conguaglio grazie alle agevolazioni contributive 2013.

Ricordiamo inoltre che il ritardo del versamento, anche di un solo giorno, rispetto al termine del 30/04/2014 comporterà l’applicazione delle sanzioni e degli interessi nella misura prevista a decorrere dal 1/01/2014 al momento del pagamento.

Ultimo aggiornamento ( Domenica 01 Dicembre 2013 20:38 )